.
Annunci online

buonpastore
Comitato Festeggiamenti di Gesù Buon Pastore Vallelarga (fraz. Pettorano Sul Gizio)
 
 
 
 
           
       

 
22 aprile 2007

LA SODDISFAZIONE PIU' BELLA DI QUESTI ANNI DI ESPERIENZA IN QUALITA' DI PRESIDENTE DEL COMITATO FESTEGGIAMENTI "GESU' BUON PASTORE"





permalink | inviato da il 22/4/2007 alle 9:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa

17 febbraio 2007

UNO DEI RICORDI PIU' BELLI: l'esibizione del famoso cantautore romano vincitore di un festival di Sanremo Luca Barbarossa





permalink | inviato da il 17/2/2007 alle 11:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

17 febbraio 2007

UNO DEI RICORDI PIU' BELLI: il comitato del 2005 in occasione del 50° anniversario della costruzione della chiesa di Gesù Buon Pastore





permalink | inviato da il 17/2/2007 alle 11:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

13 febbraio 2007

UN ALTRO RICORDO BELLO DI QUESTI ANNI: il comitato consegna un premio e un cesto di tartufi al famoso comico N'duccio





permalink | inviato da il 13/2/2007 alle 11:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

20 ottobre 2006

PROROGATO IL TERMINE DI SCADENZA DELLA IV° LOTTERIA DI BENEFICENZA 2006

Non essendo stati consegnati entro il termine del 1 ottobre 2006 alcuni dei premi messi in palio (in particolare il I° premio "il quod"), il comitato festeggiamenti "Gesù Buon Pastore" di Vallelarga (Pettorano sul Gizio)  ha deciso di posticipare tale scadenza di ulteriori 60 giorni ovvero fino al 1 dicembre 2006.
il comitato invita i lettori del sito che non avessero controllati i biglietti in loro possesso ad effettuare un nuovo controllo degli stessi e soprattutto a pubblicizzare tale notizia agli amici e persone vicine




permalink | inviato da il 20/10/2006 alle 15:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 agosto 2006


ELENCO BIGLIETTI VINCENTI IV° LOTTERIA di BENEFICENZA
ESTRAZIONE del 1 AGOSTO 2006

1) 2777
2) 6348
3) 4721
4) 2134
5) 2227
6) 7606
7) 1820
8) 5500

il comitato ringrazia tutte le persone che hanno contribuito alla buona riuscita della festa e ricorda che il termine per ritirare i premi messi in palio dal comitato organizzatore è il giorno  1 ottobre 2006




permalink | inviato da il 7/8/2006 alle 19:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

31 maggio 2006

COSTITUTO IL COMITATO FESTEGGIAMENTI 2006

Anche se in ritardo sono partiti i lavori per organizzare i festeggiamenti n onore di Gesù Buon Pastore anno 2006 che verranno effettuati sabato 29 e domenica 30 luglio 2006.
Fanno parte del comitato Domenico Ventresca (presidente onorario), Antonio Filippi (presidente), Angelo Leone, Vincenzo Federico, Enzo Del Monaco, Domenico Gentile, Loreto Gentile, Sandro Amorosi, Crugnale Panfile detto Benì, Domenico Centofanti, Federico Oreste e Raffaele Centofanti
"Dopo 4 anni lascio la presidenza del comitato"  afferma il presdiente uscente Domenico Ventresca   "era giusto dare spazio ad altre persone e sono molto contento e soddisfatto del lavoro fattoin questi anni; siamo partiti nel 2002 ed è stato molto difficile organizzare il primo anno i festeggiamenti.Personalmente sono molto felice per il lavoro fatto in questi anni per la qualità del divertimento offerto alla cittadinanza: da ricordare i cantanti che si sono esibiti in questi anni il famoso cantautore romano vincitore di un festival di Sanremo Luca BARBAROSSA  venuto nel 2005, l'altro cantautore Mimmo LOCASCIULLI  arrivato a Vallelarga nel 2003 e ben accolto anche nel 2005, i famosi comici VINCENZO OLIVIERI nel 2002 e soprattitto N'DUCCIO  nel 2005, il gruppo musicale dei Cucciolo già DIK DIK nel 2004 e tanti altri.
Personalmente - continua domenico Ventresca - sono molto contento che la mia idea di realizzare la piazza in onore di gesù buon pastore è stata portata a termine; grazie a tutti quei cittadini che hanno donato il terreno e hanno lavorato volontariamnete in questi anni e grazie soprattutto al sindaco e alla Giunta  Comunale di Pettorano sul Gizio che hanno effettuato i lavori di consolidamento per arginare la piazza stessa"
il mio sogno nel cassetto è che in futuro altre cose vengano per il bene della collettività della nostra frazione e soprattutto che scompaia un po di invidia e cresca un atteggiamento culturale di positività e di diponibilità nei confronti di quelle persone che decidono di fare qualcosa per il prossimo.
Nel concludere è doveroso ricordare che il comitato da me presieduto non ha dimenticato i più deboli, effettuando offerte di beneficenza nei confronti dell'aias di torrone alla quale il comitato ha effettuato un offerta di 200 euro e una carrozzina elettrica per handicappati
nel gennaio  2005 è stata effettuata un offerta di 70 euro nei confronti della croce rossa italiana da destinare ai terremotati dle maremoto nell'asia meridionale 
sono stati effettuati anche lavori di restauro nella chiesa di vallelarga quali la facciata esterna, la parte posteriore interna, il restauro del santo e della sua base in legno
nel mese di marzo 2006 in qualità di presidente del comitato ho scritto una lettera al vescovo della diocesi di sulmona valva per far ripristinare gli effettivi confini del territorio della chiesa per cercare di sistemare la parte posteriore della stessa molto umida e soprattutto per realizzare una stanza utile alla chiesa stessa e per conservare gli attrezzi del comitato acquistati per organizzare al meglio la festa, ma ad oggi purtroppo nessuna risposta è arrivata
il comitato festeggiamenti è sempre disponibile ad effettuare le migliorie che in futuro dovranno essere previste per tenere ben conservata la nostra chiesetta e non accetta che esistano persone che autonomamente senza il permesso del parroco partono ad effettuare raccolte fondi e questue varie   




permalink | inviato da il 31/5/2006 alle 14:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

22 maggio 2006

una delle famiglie storiche di vallelarga




permalink | inviato da il 22/5/2006 alle 15:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

22 maggio 2006

alcune donne di vallelarga e le loro famiglie




permalink | inviato da il 22/5/2006 alle 15:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

22 maggio 2006

ragazzi di vallelarga anni 60




permalink | inviato da il 22/5/2006 alle 15:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 maggio 2006

Boccia Cesidio e le sue mucche




permalink | inviato da il 9/5/2006 alle 19:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 maggio 2006

C'era una volta la biga




permalink | inviato da il 9/5/2006 alle 19:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 maggio 2006

i nostri pastori sopra al "Lago"




permalink | inviato da il 9/5/2006 alle 19:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 maggio 2006

Crugnale Antonio detto "Antunell"e il figlio Beniamino




permalink | inviato da il 9/5/2006 alle 19:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 aprile 2006

C'ERA UNA VOLTA LA TREBBIA

da notizie raccolte da Domenico Ventresca Riprendendo un articolo pubblicato sul giornalino dei festeggiamenti dell’ anno 2002 andiamo a descrivere l’attività agricola che per molti anni è stata fiorente e predominante nella nostra frazione: la coltivazione del frumento. Terminata la fatica della mietitura allora effettuata a mano con il falcetto e raccolte le spighe in covoni, questi venivano trasportati con gli asini e le mule nelle aie, in attesa della trebbiatrice, che, dagli ultimi giorni di giugno, iniziava a muoversi, tutta rossa nell’ocra arsiccio dei campi: nella nostra frazione le aie erano ubicate nel terreno di proprietà di Federico Pasquale nella zona della Masseria Federico e nel terreno di proprietà della famiglia D’Amato dove attualmente è ubicata il campo sportivo di Vallelarga; altre aie erano ubicate nella zona di case del Ciminiero e nella zona di contrada Valle San Martino nel terreno di proprietà della famiglia Casasanta e nella zona vicino l’attuale chiesetta , nel terreno di proprietà del sig. Volpe Aquilino. Successivamente anche nella Valle Peligna ed in particolare a Valle Larga, per sopperire a questa carenza locale di questa attività agricola, due famiglie lungimiranti ed intraprendenti, quella di Luca Agapite e di Antonio Crugnale per gli amici ‘Antunell’, accantonata un momento la loro attività acquistarono i nuovi macchinari per iniziare con entusiasmo una nuova più professionale e tecnicamente evoluta ed appagante. La trebbia di Antonio Crognale, come racconta il figlio Beniamino, intervistato per l’occasione, iniziò a trebbiare nel 1923 e andò in pensione nel 1973; il modello era “BALDUZZI ROVITA” ed era trainata da un trattore modello LANDINI. Terminata la trebbiatura nella nostra frazione, racconta sempre Beniamino, “andavamo a Rocca Pia dove la trebbia sostava quindici giorni nella zona dell’attuale campo sportivo e da lì ripartivamo per l’altopiano delle Cinquemiglia, fine al termine della stagione lavorativa a Castel di Sangro” Le manifestazioni di spontaneo entusiasmo durante gli incontri tra i nativi e gli operatori delle nuove macchine erano una dimostrazione di genuina felicità queste davano l’opportunità di un incontro tra due modi di vivere diversi il primo relegato nell’isolamento tra le anguste propaggini dei monti, e quindi destinati ad avere scarsi contatti con quanto si evolveva nelle città, e l’altro più intraprendente proveniva dalla riviera sul Mare Adriatico dove per la natura del territorio i contatti con i popoli confinanti erano più frequenti e gli scambi più veloci consentendo una esistenza più evoluta. Per questo motivo la figura degli operatori del lumetore la si può paragonare al conduttore di un televisivo portatore di novità, di aggiornamenti politici e di smaliziate esperienze dovute anche a causa della vita errabonda, tutto ciò con gli anni è rimasta come abituale consuetudine, quindi durante le pause era normale lo scambio di notizie con argomenti che spaziavano in tutti i campi dai problemi di vita pratica, alle informazioni gastronomiche, alle novità del mercato su nuovi prodotti, moda e costumi di vita, e non mancavano i piccanti pettegolezzi sugli avvenimenti mondani del mondo. Questo retaggio festaiolo della trebbiatura ha lasciato una forte impronta nella tradizione storica divenendo consuetudine tra due modi differenti di vita e quindi questi incontri hanno avuto radici lontane per una serie di circostanze anche quando in seguito la trebbiatura fu organizzata da persone del luogo. Due furono i fattori importanti che determinarono l’incremento meccanico della trebbiatura una dovuta all’evolversi dello sviluppo della tecnologia e l’altro un’emergente orientamento culturale del sec. XVIII inizialmente proposto come movimento di pensiero e successivamente attuato come capacità di risolvere i problemi di natura sociale e politica. Qualsiasi lavoro fino ad allora era stato sempre eseguito manualmente con l’uso della sola forza delle braccia o con l’aiuto degli animali da lavoro, fino a quando nella seconda metà del ‘700 un nuovo propellente si affacciò nel mondo industriale ed agricolo, e la tecnologia di allora fu in grado di presentare moderne macchine alimentate dall’energia termica del vapore. Le attività agricole ebbero, attraverso questi mezzi, uno sviluppo notevole, l’agricoltura poté evolversi rapidamente in estensiva alla ricerca di nuovi terreni da adibire a coltivazione e, la pastorizia, privata delle sue prerogative, si avviava verso un repentino declino, quindi anche la struttura sociale fu ribaltata, perciò, da quel momento quella professionalità si vanificò disperdendosi. L’antica attività lavorativa prettamente pastorale si ridusse notevolmente e la figura del pastore come professione scomparve quasi del tutto. L’illuminismo, ‘la filosofia dei lumi’, il nuovo movimento introdotto in Italia iniziò a dissacrare la pastorizia, perché alcune colte personalità del tempo promossero un’analisi critica ai problemi economici, sociali e politici del tempo, e per risolverli, secondo le loro teorie, vollero sopprimere su tutto il territorio italiano le attività che non promuovevano una razionalità intellettiva. Questi individuarono nella pastorizia un’attività statica, tecnologicamente arretrata, quindi un ostacolo allo sviluppo dei nuovi emergenti indirizzi, che sovvertirono il campo del sapere di allora nella storia, nella religione e nelle discipline economiche. Il declino fu fatale per l’attività pastorale abruzzese, che era costretta a svolgere le sue funzioni nelle aree montane interne in un isolamento totale. I tratturi, le grandi vie verdi, rimasero subito inoperosi, la transumanza fu sospesa con tutto il suo corredo storico e culturale ed, i pascoli abbandonati. L’Abruzzo fu coinvolto da questa ventata di modernità ed alcune Aziende agricole della Val Pescara si aggiornarono con i moderni trattori, che grazie alla facilità di movimento poterono raggiungere le zone più interne, annullando d’un solo colpo l’atavico isolamento della gente campagnola che viveva nella media montagna. Quando queste prime macchine rumorose e gigantesche stazionavano sulle aie pronte ad iniziare la trebbiatura, queste esercitarono sui curiosi ed ignari braccianti lo stesso impatto emotivo che noi oggi abbiamo subito allorquando ci è apparsa in televisione la prima indecifrabile astronave ed i lesti operatori apparvero come misteriosi ed inavvicinabili astronauti. Però superato l’impatto del primo momento di stupore tra la gente locale ed i nuovi arrivati con un comprensibile entusiasmo fraternizzarono in amicizia dando vita a quella ospitalità vanto della Gente abruzzese ed allora via a dimostrare di gradire la loro presenza con libagioni proposte con numerosi e sostanziosi pasti. Descrivere oggi la trebbiatura del grano come avveniva un tempo deve essere intesa come un momento di gioia e di felicità per tutte le persone della frazione che aspettavano l’arrivo della trebbia: i bambini correvano incontro alla trebbia alla salita di Ponte d’arce e la scortavano fino all’aia: qualche volta succedeva che nella rampa di accesso all’aia il trattore (il lumetore) non ce la faceva e tutti si preoccupavano di aiutare a spingere e a superare l’ostacolo della salita stessa. Alcuni bambini si divertivano a creare i ganci al fil di ferro necessario a reggere le balle di paglia appena uscite, altri si divertivano a pesare il grano sulla bascula (la bilancia) e magari ad alterare i pesi dei sacchi stessi illudendo gli stessi contadini che avevano prodotto un quantitativo maggiore di grano rispetto a quello reale La trebbiatura riassume tutte le fatica del contadino dalla semina alla raccolta del grano e rappresenta il coronamento dei sacrifici con un realizzo immediato del guadagno economico: di conseguenza per tutti l’arrivo della trebbia è sempre stata una festa; dalla mattina all’alba fino alle nove di sera, era tutto un allegro rombare, una fatica continua fatta di canti e di gridi, ed intramezzata da mangiate e bevute degne della tavola di un re. Il lavoro della trebbiatura si è sempre svolto con un ritmo eguale, quasi a tempo di musica; ed anche se il sudore grondava com’acqua dalle fronti e dalle nuche degli imboccatori, che senza tregua, alternativamente, gettavano nelle fauci della macchina i covoni passati sulla punta delle forche, la stanchezza non era mai sentita, o, se lo era, veniva compensata dalla vista del grano, che, uscendo dalla bocchetta della trebbiatrice nei sacchi, aveva già la fragranza del pane benedetto. Tutti i contadini delle fattorie vicine erano presenti alla trebbiatura: aiutarsi a vicenda era antica consuetudine: l’assenza sarebbe stato un segno di inimicizia, uno sgarbo brutale, quasi una dichiarazione di guerra; e oltre agli amici, c’erano le donne e le ragazze, forti come bufale e caparbie sostenevano qualunque impegno anche nel mangiare e bere: vere eroine della campagna erano capaci di vuotare «per vincere l’arsura», bicchieri su bicchieri anche, quando uscivano di casa per andare all’aia, arsa dal sole e dalla polvere e con enormi boccali di vino passavano da bere a tutta la compagnia. Mentre le masse di pula venivano subito spazzate dalle pale ed i fastelli di paglia strappati dal grano salivano in fila su per l’elevatore, nelle cucine fumose le donne di casa preparavano grosse pagnotte, tavole intere di maccheroni alla chitarra e agnello alla brace. Quattro o cinque erano i pasti di regola in questa speciale giornata: alle 7, alle 10, a mezzogiorno ed alla sera: i primi due in piedi ed in fretta; a mezzogiorno, invece, si mangiava e si beveva seduti a tavola, davanti alla casa. Ma il vero banchetto si teneva alla sera, quando era franta l’ultima spiga e, portato via a spalla d’uomo l’ultimo sacco verso il granaio, la trebbiatrice finalmente riposava. Allora iniziava una gara a chi mangiava di più per integrare le calorie perdute , fino a che, sazi e con gli occhi lustri, buttati via sedie e panchetti, gli operai si siedevano a terra a fumare, rimasticando i quintali «fatti» durante la giornata, e il prezzo, e quanto toccava al padrone e quanto agli operai, e i guadagni e le perdite. Qualcuno ingannava il sonno ed i pensieri giocando a morra al chiaror fioco delle lucerne all’olio, mentre le donne sparecchiavano la tavola e cani e gatti rosicchiavano al buio ossi e croste sotto le tavole.




permalink | inviato da il 26/4/2006 alle 18:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 aprile 2006

la Trebbia di Crugnale Antonio detto "Antunell"




permalink | inviato da il 24/4/2006 alle 16:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

6 aprile 2006

i gazebo allestiti dal comitato festeggiamenti




permalink | inviato da il 6/4/2006 alle 10:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

la nostra valida collaboratrice martina




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 13:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

il nostro collaboratore sandro ercole




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 13:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

il pubblico felice e contento alla fine del concerto




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

le bambine di vallelarga cosnegnano un regalo a mimmo locasciulli




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 13:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

mimmo locasciulli e locasciulli jr.




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 13:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

mimmo locasciulli e la sua band




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 13:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

il concerto di mimmo locasciulli venerdi 29 luglio 2005




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

il pubblico di vallelarga durante il concerto di luca barbarossa




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 12:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

il ringraziamento di Luca Barbarossa e la sua band




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 12:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

il saluto di Luca Barbarossa e la sua band al pubblico di Vallelarga




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 12:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

il comitato consegna un regalo a luca barbarossa




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 12:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

l'indimenticabile concerto di luca barbarossa




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 12:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

5 aprile 2006

i gazebo del comitato




permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 12:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

Che tempo fà e farà
Regione Abruzzo
Il sito ufficiale di Domenico Ventresca
Associazione culturale De Stephanis



me l'avete letto 95380 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     febbraio